M-Files per il settore manifatturiero

L’Enterprise Information Management (EIM) è una soluzione progettata per migliorare la gestione di tutti i dati strutturati e contenuti non strutturati che sono fondamentali per le operazioni commerciali di produzione, contribuendo a semplificare le complessità che affliggono solitamente la catena di fornitura e i processi di qualità e conformità.

In particolare, nell’articolo si parlerà di M-Files e di come possa diventare indispensabile all’interno delle aziende manufatturiere. M-Files è una piattaforma di gestione intelligente delle informazioni di nuova generazione che migliora le prestazioni aziendali aiutando le persone a trovare e utilizzare le informazioni in modo più efficace. A differenza dei sistemi tradizionali di gestione dei contenuti aziendali (ECM) o piattaforme di servizi di contenuto, M-Files unifica sistemi, dati e contenuti in tutta l'organizzazione senza disturbare i sistemi esistenti ed elabora o richiede la migrazione dei dati. Attraverso l'utilizzo di tecnologie di intelligenza artificiale (AI), come l’esclusivo Intelligent Metadata Layer, M-Files rompe i silos fornendo un unico contesto dove accedere e sfruttare le informazioni che risiedono in qualsiasi sistema e repository, comprese le cartelle di rete, SharePoint, servizi di condivisione file, sistemi ECM, CRM, ERP e altri sistemi aziendali e depositi.

Utilizzando un sistema IIM come M-Files, i produttori possono esercitare maggiore controllo su contenuti non strutturaticome disegni CAD, schede prodotto, certificati, fatture, ordini d’acquisto, fatture di materiale (distinta base), e su oggetti di dati strutturati, come i clienti in un sistema CRM o i progetti in un sistema ERP. La capacità di connettere oggi contenuto non strutturato con oggetti di dati strutturati attraverso una soluzione IIM ha molti vantaggi, come ad esempio l’abilitazione della tracciabilità a ritroso e le prove di conformità per l’intero ciclo di vita del prodotto.

SITUAZIONE ATTUALE DELLE INDUSTRIE MANUFATTURIERE

I Lavoratori dell’industria manifatturiera passano il 20-40% del loro tempo a raccogliere informazioni prima di poter anche iniziare a completare il lavoro quotidiano

Gli staff del settore qualità hanno rilevato che almeno 4 casi su 10 presentano lacune nella composizione dei documenti e per questo sono stati incaricati di svolgere ulteriori accertamenti.

Il 30% degli intervistati ha rilevato che il documento principale in una commessa di produzione è spesso insufficiente e inadeguato per soddisfare e superare il sistema di controllo della qualità.

Nel 21% delle aziende di produzione dove è stata rilevata una lacuna nella documentazione, è stato rilevato che questa mancanza ha portato ad incidenti e a successivi eventi di bonifica.

Infine, ogni dipendente spende in media 1,5 ore al giorno per ricercare i documenti. Si tratta di 6 settimane di ore uomo per ogni dipendente. E il costo è di circa 7,00 euro ogni volta che un pezzo di carta viene toccato.

Ad oggi, qualcosa nel campo dell’Intelligent Information Management si sta muovendo. Ma non è ancora abbastanza. Infatti, circa il 48% delle aziende ritiene di essere al 75% del loro processo di digitalizzazione. L’86% delle aziende comprende che intercettare le falle del sistema nel digitalizzare e standardizzare i flussi sarà la chiave per eludere i colli di bottiglia e rendere più fluidi tutti i processi.  Infine, il 92% delle organizzazioni crede che qualcosa debba cambiare e che sia necessario modernizzare la gestione delle loro informazioni al fine di ottimizzare il rapporto costi/ benefici.

Data questa premessa, le SFIDE COMUNI nelle aziende manufatturiere sono:

Il coinvolgimento dei dipendenti. Il rischio reale è quello di vedere cambiare rapidamente le normative e non essere in grado di assecondarle, pena severe sanzioni per il mancato adattamento. È infatti difficile mantenere buoni dipendenti formati e compliance alle normative. Si rende perciò necessario un graduale ed efficiente processo di digitalizzazione che coinvolga tutti i dipendenti, dal più anziano fino all’ultimo entrato in azienda.

Processi manuali, sistemi separati. I processi manuali rallentano il lavoro ed impediscono ai dipendenti di essere reattivi. I sistemi separati che non comunicano richiedono il doppio del lavoro e portano notevoli ritardi. Risulta pertanto importante avere un punto centralizzato dove ricercare documenti e la storia dei processi.

Supply chain complessa. La supply chain è complessa, soprattutto in un modo così globalizzato. Ogni giorno si corre il rischio di sovrapposizioni se non vi è un solido sistema di comunicazione e di controllo. Pertanto, si rende necessario avere una linea di processo ben definita e marcata così da non creare sovrapposizioni o dispersioni durante le forniture oppure costi nascosti, che si mostrano solo in un secondo momento, quando non è possibile recuperarli.

Grazie ad M-Files, le aziende che lo hanno scelto hanno migliorato del 13% la loro produttività.

 

 

Mega Soft SRL

via G.B. Vico, 2
20015 Parabiago (MI)
P.IVA 02340110127

Contatti

+39 0331 263 972
+39 0331 263 973 (fax)
info@mega-soft.it